Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale.

scale psicologia

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.

 

Mi è sempre piaciuta questa poesia, anche se Montale parla della moglie, amata e scomparsa,  mi trovo a pensare come questa immagine si ritrovi anche nella psicoterapia, dove il terapeuta in qualche modo fa da guida al paziente, che metaforicamente “non vede bene” nell’intrigo delle sue sofferenze, ma in fondo  è lui che vede in se stesso meglio di chiunque altro, ed è lui che guida il terapeuta alla scoperta del suo mondo interno  indicandogli, in modi più o meno evidenti, la strada da seguire. Quindi come nella poesia, i ruoli si mischiano, in effetti il miglior conoscitore di sé stesso è proprio il paziente, e il terapeuta diventa un fedele alleato e compagno di viaggio, aiutandolo a disegnare nuove mappe di territori magari ancora inesplorati, scendendo milioni di scale, insieme,  dandosi il braccio, verso nuovi e più ampi confini.

7 risposte a "Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.