Senza sangue

psy ferite senza sangue

Allora pensò che per quanto la via sia incomprensibile, probabilmente noi la attraversiamo con l’unico desiderio di ritornare all’inferno che ci ha generati, e di abitarvi al fianco di chi, una volta, da quell’inferno, ci ha salvato.

Capiva solo che nulla è più forte di quell’istinto a tornare dove ci hanno spezzato, e a replicare quell’istante per anni. Solo pensando che chi ci ha salvati una volta lo possa poi fare per sempre. In un lungo inferno identico a quello da cui veniamo. Ma d’improvviso clemente. E senza sangue.

(Senza sangue, Alessandro Baricco)

Prendo a prestito le parole dello scrittore, esulando anche dalla trama del libro , per dare voce a quello che tutti, in modi diversi, cerchiamo di fare, riattraversare i momenti difficili, che ci hanno “spezzati”, col bisogno di “riaggiustare” le nostre ferire interne, tutti attraversando i nostri dolori, alla ricerca di uno spazio nuovo, restaurato, in cui le ferite smettano di sanguinare.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.